Porte invisibili: il trend del momento - Blog VenusDesign
406
post-template-default,single,single-post,postid-406,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Porte invisibili: il trend del momento

Nel mondo del design e delle porte ha preso piede una tendenza molto particolare e dal grande effetto scenico: le porte mimetizzate o invisibili. Si tratta di porte battenti filo muro (dette anche rasomuro), prive cioè di elementi quali lo stipite e la cornice, che vengono rivestite con la stessa tinta della parete, in modo da fondersi perfettamente con essa.

Questa tendenza non è del tutto nuova e riprende, alla lontana, la moda in uso in passato nelle ville signorili e nei palazzi di creare dei passaggi segreti verso stanze private come la camera da letto e il bagno oppure verso gli ambienti di servizio: un modo per mantenere la discrezione e, soprattutto, per non interrompere gli splendidi affreschi che spesso impreziosivano le pareti.

Oggi, le porte invisibili tornano nelle nostre case per il loro minimalismo e la loro essenzialità estrema, che garantisce soluzioni di grande pulizia. Nelle porte filo muro, infatti, anche le cerniere sono nascoste e l’unico elemento visibile rimane la maniglia con la serratura, che sembra sporgere da una superficie continua e ininterrotta.

Il segreto di queste porte camaleontiche è un particolare controtelaio che permette di rendere le porte perfettamente complanari alla parete.

Per ottenere una porta dall’effetto invisibile, è possibile tinteggiare la superfice come la parete circostante, oppure coprirla con la carta da parati, l’altro grande trend del momento. Questa soluzione è perfetta per chi ha scelto una carta da parati con una grafica particolare e vuole godersela senza interruzioni anche sulle pareti dove c’è una porta.

Venus Design interpreta la tendenza delle porta che c’è ma non si vede con Rasoplan, porte rivestibili con carta da parati oppure tinteggiabili, che si mimetizzano perfettamente nella parete.