Mille porte fanno un edificio - Blog VenusDesign
441
post-template-default,single,single-post,postid-441,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Mille porte fanno un edificio

Abbiamo già visto in un articolo dedicato a Checco Nardi, come il mondo delle porte possa talvolta incontrare quello dell’arte. Il pittore veneto non è il solo ad aver sfruttato delle porte per creare qualcosa di originale e meraviglioso.

Dall’altra parte del mondo, in Corea del Sud, il designer e artista Choi Jeong-Hwa ha vagato per mesi nelle strade e nei vicoli della sua città, Seul, raccogliendo vecchie porte abbandonate e nel 2009 le ha utilizzato per dare forma al progetto 1000 Doors.

L’artista ha utilizzato le porte riciclate per rivestire un palazzo di 10 piani situato nel cuore della città. L’effetto è coloratissimo e spettacolare: un grande palazzo pixellato coperto di centinaia e centinaia di porte.

Il palazzo delle mille porte esprime alla perfezione la visione artistica di Choi Jeong-Hwa, che non è nuovo all’uso di oggetti riciclati per le sue opere. Ha infatti dichiarato: “Io credo che tutto sia arte. Ogni materiale trovato in cucina, nella vostra camera, per le strade. Tutto nella vita di tutti i giorni può essere arte. Quindi non posso dire con certezza che tipo di artista sono”.

L’installazione non ha solo lo scopo di rallegrare l’ambiente circostante con una creazione originale. L’artista ha anche spiegato che si tratta di un tributo a chi, in passato ha attraversato quelle porte. È un modo di riscoprire il valore della routine e della quotidianità dandogli lustro attraverso l’arte. Un’arte che esce dai musei e va letteralmente nelle strade, per farsi fruire liberamente dalla gente comune.